Mihajlovic o non Mihajlovic? L’ingaggio è il nostro dilemma

‘Fa con quel che ha’ o ‘no, prende 2 milioni l’anno, deve valorizzare i giocatori’: ma da quando in qua si giudica un lavoratore dal suo stipendio?

di Manuel Minguzzi, @manuel_minguzzi

Ingaggio Sinisa

La bellezza di questi giorni è però lo spostamento della prospettiva tra chi non è troppo critico sul mercato da chi invece lo continua a considerare gravemente insufficiente. Chiuso l’argomento delle risorse investite da Saputo, cioè un mercato a zero euro falcidiato dal Covid, l’obiettivo è puntato su colui che ha sancito il primo cambio di passo a Casteldebole: Sinisa Mihajlovic. Che tocchi al mister proseguire il processo di crescita che lui stesso ha iniziato a gennaio 2019 è palese, ma che questo sia direttamente proporzionale al suo ingaggio no. Sono usciti nei giorni scorsi i dati di Gazzetta sugli ingaggi delle venti squadre di Serie A: il Bologna è decimo come squadra, elargisce di più dell’Atalanta, per esempio, ed è quarto per allenatore, Mihajlovic è dietro solo a Conte, Fonseca e Gasperini. Ora, il fatto che il nostro mister sia il quarto più pagato della A non significa che il Bologna possa arrivare nella medesima posizione, esattamente come il decimo monte ingaggi di squadra non fa i rossoblù obbligatoriamente da parte sinistra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy