Dove andremo a finire?

Bologna spaccata e divisa, un confronto equilibrato è impossibile, ma il Bologna dovrà chiarirsi le idee: dove vuole arrivare?

di Manuel Minguzzi, @manuel_minguzzi

Trincee

L’inopinata sconfitta di Genova, semmai ce ne fosse bisogno, ha riaperto la battaglia di posizione: i cosiddetti maigoduti da una parte, i sempre ottimisti dall’altra. D’altronde, l’immagine di Saputo era già stata scalfita in passato, reo di aver prodotto un Bologna dalle poche ambizioni a parte la cosiddetta salvezza tranquilla. Figuriamoci se la squadra non vince da otto partite e al sesto anno di Serie A è ancora nella parte destra (con lo Spezia a pari punti)…Insomma, l’avvicinamento a Bologna-Verona è più indirizzato alla guerra di posizione che alla partita in sé, anche perché ormai le trincee sono abbondantemente delineate e ognuno se ne sta nei propri stracci. Una riconciliazione è impossibile.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy