Dei del calcio, ci saremmo anche noi

Dei del calcio, ci saremmo anche noi

Bologna cornuto e mazziato allo Stadium, tra regali, episodi e Var lassù l’occhio cade sempre sul bianconero

di Manuel Minguzzi, @manuel_minguzzi

La partita

E’ successo quello che un po’ ci aspettavamo. Bologna coriaceo, grintoso, a testa alta allo Stadium nonostante le assenze. Sapevamo che ci sarebbero stati momenti di sofferenza e sapevamo che avremmo avuto le nostre occasioni. Ma perdere così, sempre con quel contorno di sfiga che ci portiamo appresso, fa malissimo.

Sembrava un po’ la serata dei miracoli, Mihajlovic in panchina, Skorupski che sbaglia e poi si riscatta, Danilo che piazza un gol alla Ronaldo, invece con la Juve la beffa atroce è sempre dietro l’angolo. Si dovrebbe sempre essere preparati al fatto che gli Dei del calcio da lassù prediligano i campioni, ma che i comuni mortali non possano mai avere un occhio di riguardo sa tanto di destino atroce. E per il Bologna è sempre così, perché dopo anni di vacche magre e passeggiate juventine, stasera il copione ha riscritto un po’ quello che il passato ci aveva proposto. Tutto in un minuto, un possibile rigore non sanzionato a De Ligt al 92′ – Irrati, almeno la cortesia di guardare le immagini? – una traversa di Santander e un miracolo di Buffon: almeno avessero vinto con una giocata da campione di Ronaldo…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy