lo spunto

Valeri-ana come se piovesse

I Bologna-Milan sono stregati e maledetti, può succedere di tutto ma vincono sempre loro

Manuel Minguzzi

Si dice che la Valeriana sia una sostanza calmante, rilassante. L'erba naturale lo è, l'arbitro che di cognome fa Valeri meno. Difficile, onestamente, mettersi a lavorare dopo una partita del genere, fatta di due rossi, di una doppia rimonta in inferiorità numerica e decisa da un eurogol nel finale. Insomma, verrebbe voglia di prendersi un sonnifero e andare a dormire. Ammutinamento dal lavoro. Invece siamo pagati per questo e lo facciamo, ma è dura commentare e analizzare razionalmente una partita che di razionale non ha avuto nulla. Da apprezzare c'è la reazione rossoblù, arrivata sia dopo la prima espulsione, con una clamorosa rimonta, sia dopo la seconda, con Arnautovic ha avuto la palla buona per il 3-2. E la doccia fredda con un siluro di Bennacer è ancora più dolorosa perché alla fine forse era meglio perdere tre a zero senza troppo pathos.