Manca il centesimo per fare l’euro

Al sesto anno di Saputo girone d’andata a 20 punti, media da salvezza: il Bologna alle prese con l’ultimo step

di Manuel Minguzzi, @manuel_minguzzi

Andata sottotono

Ci si aspettava di più dal girone di andata del Bologna. Banale, banalissimo, ma dopo sei anni ci si chiede cosa manchi (e per quale motivo) al Bologna per effettuare il tanto desiderato salto di qualità. E non si intende neanche tanto l’Europa, complicato in questa epoca arrivarci, se non con un miracolo in stile Atalanta, bensì fissare la squadra stabilmente nella parte sinistra e sostituire Verona e Sassuolo nel ruolo di sorpresa del campionato. Il Bologna di Saputo i suoi sussulti li ha avuti, la promozione il primo anno, la cavalcata salvezza di Donadoni, quella di Mihajlovic, poi alla lunga tutte e tre le emozioni si sono attenuate.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. doriano.dall_859 - 1 mese fa

    Mi pare che si voglia complicare ciò ‘ che, in realta’ , e’ molto semplice. L’allenatore ha ancora in pugno la squadra. Qualche passo falso va giustificato da un rosa corta e dalla mancanza di elementi di esperienza che possano dimostrarsi veri capitani nei momenti di difficolta’,indipendentemente dall’eta’ anagrafica. Vi è una struttura di gioco ed una applicazione della squadra alla altezza di una stabile collocazione nella parte sinistra della classifica. Si segna poco in relazione alle occasioni che si creano e si subisce troppo in difesa. Occorrono tre innesti : un centrale di difesa affidabile, veloce e di stazza, che copra con efficacia anche uno contro uno nei momenti di sbilanciamento, sperando, nel contempo, nella affermazione di Soumaro (Tomiyasu deve giocare nella fascia); un centrocampista incontrista dinamico e fisico che giochi a due in complemento a Schouten (vi ricordate Perez ?); un centravanti che segni con continuita’e che sappia anche partecipare al gioco: da anni il Bologna gioca senza una vera punta, facendo penitenza per scontare il peccato originale dei dieci milioni di acquisto di Destro (quello indisponente di allora). Per una squadra da decimo/undicesimo posto va bene anche il portiere polacco . In questi anni si e’ speso tanto e male, girando attorno al problema vero : si e’ sempre giocato in dieci. Il Bologna e’ bello ma non balla….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy