Mercato – Idea big a giugno

Per il Carlino il mercato è in standby a gennaio

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Trattative ferme, in stand-by. Il Resto del Carlino fa il punto sul mercato in attacco del Bologna, con gli innesti che potrebbero essere dirottati a giugno.

Non ci sono novità per Sanabria e Swiderski, Arnautovic è stato offerto ma il suo ingaggio da 7 milioni lo rendono inarrivabile per il Bologna che potrebbe provarci a giugno, a un anno dalla scadenza del contratto dell’austriaco con i cinesi dello Shanghai. Il Bologna potrebbe proporre un ingaggio spalmato su tre anni. Nel frattempo saranno da valutare gli ingaggi pesanti presenti in rosa e che a giugno potrebbero salutare, si parla di Santander e Medel, ma forse anche Palacio e Danilo.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. doriano.dall_859 - 1 mese fa

    Con l’attuale rosa il Bologna rimarrà sempre nel limbo di una classifica medio-bassa. DIFESA – L’unico calciatore di livello è il giapponese, purchè giochi sulla fascia. De Silvestri è un discreto rincalzo. Danilo, già a fine carriera, per età e struttura sarà sempre superato in velocità a campo aperto. Si spera in Soumaoro. Dijks attualmente è su livelli mediocri e non si sa se tornerà ancora quello degli esordi. CENTROCAMPO – Schouten è un prospetto, ma commette troppe ingenuità e non può arginare quasi da solo centrocampi molto fisici. Svamberg , che ha fisico, deve decidere ancora cosa essere in campo : feroce interdittore di “garra” o mezza punta . Dominguez ha la tecnica ma non ha il fisico da centrocampista.Un giorno sarà il successore di Soriano, ma, allo stato , non può reggere con avversari più strutturati. ATTACCO – Orsolini ha qualità di livello superiore, ma va a sprazzi e non è Gino Cappello, che giocava dieci minuti e faceva vincere le partite. Barrow non sarà mai una prima punta e può giocare proficuamente in un modo solo, possibilmente con accanto Palacio. Con quasi venti milioni di euro si poteva prendere un centravanti con i fiocchi, da doppia cifra di goals. I risultati per la squadra sarebbero stati migliori. Palacio è inarrivabile ma non è un goleador ed è a fine carriera. Soriano ha bisogno di essere sorretto da un centrocampo più arcigno per poter sviluppare le sue doti anche di realizzatore. Sansone si è perso nelle nebbie e segna ancor meno di prima. Skov Olsen ha nostalgia degli amici del cortile, Vignato è un bravo ragazzo. Quando Mihalovich non urla abbastanza e non vi è una esaltante tensione, questa squadra non ha i mezzi per contrastare efficacemente teams superiori per tecnica e fisicità e per creare le dodici occasioni che le servono per segnare una rete. COSA OCCORRE : un centrale di difesa fisico, affidabile e veloce; un centrocampista interdittore con grande prestanza e dinamicità ; una prima punta vera con il goal addosso ,che sappia anche sfruttare i cross che pervengono al centro dell’attacco e incarnare, all’occorenza, lo “schema Andersson”. Non è tanto, in fin dei conti, ciò che occorre a questo Bologna per essere più competitivo.
    Ma fino a quando la Dirigenza Rossoblù sarà afflitta dal peccato originale Destro (quello di allora), non vi sarà emenda, anche se vi sarà salvezza favorita da inferiorità tecniche di qualche neopromossa. Mihalovich, poi, scontato il giusto ringraziamento per la solidarietà della città e della dirigenza sportiva, vorrà misurarsi con realtà più ambiziose e gratificanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy