I migliori e i peggiori del calciomercato

da Faragò a Sabatini, da Santander a Mihajlovic: il meglio e il peggio del mercaot

di Franco Cervellati

I MIGLIORI DEL MERCATO

SOUMAORO, FARAGO’ E ANTOV- Almeno loro sono riusciti ad arrivare a Bologna
RODRIGO PALACIO – E lui che sperava di potersi riposare un po’. Prima era indispensabile, adesso pure.
WALTER SABATINI – Innegabile istrione da palcoscenico, la sua simpatia lo salva da commenti malevoli. Certo che nell’ultimo intervento televisivo a commento del mercato è riuscito a smentire in pochi minuti tutto il lavoro fatto dal suo collega Bigon da Supryaga in poi, cioè la ricerca (affannosa) di una punta centrale perché ce n’era bisogno, non così per fare. Fenomenale il riferimento al fatto che Mhajlovic non ha mai chiesto l’attaccante…boh, avrò sentito male io? Dice che se le cose vanno male si dimette. Domanda: cosa significa “andare male”? Retrocedere? Quindi arrivare quattordicesimi è andare bene?? 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy