esclusive tbw

Palazzoli (pres. Felsina): “Ripartiamo dai valori della società dopo un anno duro. Fiducia nel futuro”

Il Felsina riparte da nuove figure, un nuovo Presidente e dai giovani. Valori ed etica: Felsina torna al passato
Manuel Minguzzi
Manuel Minguzzi Caporedattore 
Palazzoli (pres. Felsina): “Ripartiamo dai valori della società dopo un anno duro. Fiducia nel futuro”- immagine 1

Un ritorno alle origini, o come al Felsina amano definire “Back to the Future”. Ritorno al Futuro (passando dal Passato). Il Felsina riparte dal proprio DNA, quello basato sui giovani, sui progetti sociali ed etici, sugli investimenti nel settore giovanile. Terminato un anno complicato, con frizioni, tensioni, cambi nell’organigramma e nel settore tecnico, con anche un comunicato duro nei confronti di un fuoco amico dannoso, la Società ha deciso di rinnovare tutte le cariche principali, ripartendo da un nuovo Responsabile del Settore Giovanile e di Base e da nuove figure dirigenziali che possano riportare Felsina ai valori originari. Ne abbiamo parlato con Federico Palazzoli, presidente della società.

Palazzoli, diciamo che l’ultimo è stato un anno complicato.

“Sì, ma ripartiamo con fiducia e ambizione. Abbiamo deciso di cambiare i ruoli principali e ci siamo affidati a vecchie conoscenze del Felsina per ritornare alle origini. Sono stati scelti uomini di comprovata competenza, orgogliosi di tornare a fare parte di una Società Sportiva di cui condividono strategia, ambizione e valori”.

Avete diramato un comunicato duro, nel quale vi dissociate dal comportamento di alcuni tesserati, dirigenti e collaboratori. Sembra ci sia una specie di fuoco amico…

“Non volevo parlare del passato e di un’annata complicata, che ha portato alle decisioni drastiche che sono state prese. Veniamo da un anno con cambio di Presidenza e dimissioni del Responsabile del Settore Giovanile e di Base con tante dinamiche senza controllo che si erano radicate dentro a Felsina nel passaggio da un progetto dedicato ai giovani a uno di più ampio respiro, che però non teneva conto dei veri valori della Società. Si torna dunque a quei valori. Ci sono persone che si sono adoperate per screditare la società, che lavorano per trasferire molte figure altrove e si sta facendo un lavoro poco corretto e leale, che di fatto va contro i principi di Felsina. Abbiamo diramato un comunicato, che è stato capito e compreso e vedremo come si evolverà la situazione. Guardiamo al futuro con fiducia ed entusiasmo”.