Rossi: “Pensavo al tracollo, invece la squadra ha reagito”

Rossi: “Pensavo al tracollo, invece la squadra ha reagito”

Ritorno a Roma senza punti per Delio Rossi, il tecnico del Bologna è ancora alle prese con una squadra incompleta e infatti i primi minuti di gioco hanno indirizzato immediatamente la partita. Due gol in venticinque minuti potevano lasciare presagire alla goleada, invece col passare dei minuti la truppa rossoblù ha reagito riuscendo a tenere bene il campo nella ripresa; anche con la ghiotta occasione da gol di Brighi su cui Berisha ha messo la manona. Anche Delio Rossi ha sudato freddo, come lui stesso ha ammesso in conferenza stampa al termine della partita: “I primi venti minuti sono stati duri – ha affermato Rossi – pensavo al tracollo vista l’inesperienza che abbiamo, ma sono contento della reazione della squadra che ha mostrato spirito e voglia di lottare. Quando lavori con ragazzi giovani, e giochi contro una squadra forte, devi mettere in preventivo il fatto che pagherai il noviziato”. Non solo gioventù, ma errori tecnici che dovranno essere eliminati per il prosieguo del campionato: “In certi frangenti abbiamo commesso errori tecnici e di gioventù, l’esperienza la crei solo giocando e vista la categoria che stiamo affrontando dobbiamo crescere in fretta”. Gli si chiede poi di mercato, un Bologna che necessita di acquisti non scompone Delio Rossi: “Nel momento stesso in cui vado in una società scelgo di sposare la linea societaria, vogliamo fare crescere i giovani che abbiamo in rosa e non mi va di parlare di mercato. Faccio il meglio possibile con quello che ho a disposizione”. Non poteva non arrivare una domanda su Destro, ma Delio Rossi mantiene la stessa strategia adottata alla vigilia: “Destro è arrivato da due giorni, ha delle qualità che ci possono aiutare. Non vorrei che si gravasse questo ragazzo di troppe responsabilità, mi auguro che tiri fuori sempre il coniglio dal cilindro ma non è detto che sarà così. Solo col nome non si fa la differenza e poi dovrà essere aiutato dai compagni”. Chiusura con una domanda tecnica sul fatto che la Lazio sfondasse spesso sugli esterni grazie ai terzini: “Purtroppo sui terzini spesso uscivamo in ritardo, nel secondo tempo siamo riusciti a fare meglio e infatti siamo riusciti a sistemare meglio alcuni meccanismi”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy