Doppio binario estivo: calciomercato e ristrutturazione del Dall’Ara

Doppio binario estivo: calciomercato e ristrutturazione del Dall’Ara

Il campionato è appena finito, la festa è appena finita, ma non è decisamente tempo per le vacanze. Sarà una estate caldissima a Bologna, non solo per il clima africano. Se da una parte Pantaleo Corvino e Delio Rossi dovranno lavorare sulla costruzione della rosa 2015/2016, dall’altra il Bologna sarà chiamato a portare avanti tutti i progetti relativi allo stadio Renato Dall’Ara. I bene informati assicurano che la società entro due mesi darà una risposta definitiva al Comune, se cioè, una volta verificato lo studio di fattibilità con Larry Smith Italia e con l’architetto Zavanella, si continuerà a seguire la strategia della ristrutturazione del Dall’Ara o se invece si virerà sulla costruzione di un nuovo impianto. Ognuna delle due strade porta con sé pro e contro. Il Dall’Ara, situato non lontano dal centro cittadino e tutto sommato facilmente raggiungibile, rappresenta un luogo storico, pieno di fascino e contornato di blasone e bellezze che soddisfano la visione di un panorama mozzafiato. C’è la Torre di Maratona, che potrebbe diventare un museo e c’è il portico di San Luca. Con una riqualificazione, il Dall’Ara diventerebbe davvero un luogo pieno di fascino e di suggestione, sia per il contesto esterno che per quello interno, ovvero un mix di storia, tradizione e innovazione. La muratura riscoperta e, appunto, la torre per dare una connotazione fortemente storica all’esterno. Tribune coperte, pista d’atletica eliminata e spalti totalmente nuovi per rendere innovativo invece tutto l’interno del salotto bolognese. I contro? I costi e l’enorme lavoro che andrebbe fatto per riqualificare l’intera zona. Si tratta di operazioni invasive, che richiedono un lavoro chirurgico di stravolgimento e in un’area non certo così spaziosa. Si parla anche si interrare via Andrea Costa per facilitare il traffico, e si capisce come il ‘ritocco’ sia alquanto delicato. La società però ha deciso di lavorare di concerto con il Comune e i rapporti sono solidissimi, se da un lato Saputo promette risposte entro breve tempo, dall’altra martedì l’amministrazione comunale varerà le linee di indirizzo per la ristrutturazione della zona stadio. Verranno probabilmente nominati degli esperti che lavoreranno assieme a quelli del Bologna per dare un contributo sostanzioso al lavoro di progettazione. Quello che è certo è che durante questa estate verranno comunque messi in atto lavori di miglioramento dell’attuale impianto. Si punta a riaprire la San Luca, rinnovare il comparto dei servizi igienici e, forse, anche della tribuna stampa ora sprovvista di wi fi. Vedremo se ci sarà tempo anche per sostituire i seggiolini, perché le foto di piantine che crescono tra gli spalti sono numerose e certificate da più di un tifoso. 

 

In tutto questo non si è parlato di tempi, in linea di massima se venisse effettivamente portato avanti il progetto di riqualificazione del Dall’Ara, ci vorrebbero dai quattro ai cinque anni per terminare i lavori, appunto per l’esigenza di effettuate una operazione più invasiva rispetto a quella che ha coinvolto lo stadio Friuli che per l’inizio del prossimo campionato dovrebbe essere pronto per il taglio del nastro. Se invece i costi saranno troppo alti, la società virerà sulla decisione di costruire uno stadio totalmente nuovo. Anche in questo caso ci sono i contro, ovvero trovare un terreno edificabile in una zona facilmente raggiungibile da ogni angolo della città, per non ripercorrere il vicolo cieco intrapreso da Cazzola con Romilia. Occorre pazienza dunque e valutare ogni singolo aspetto di questo progetto, ma quel che più conta è che in un modo o nell’altro già a partire dalla prossima stagione avremo un Dall’Ara diverso ed una rosa rivoluzionata. Sono i primi passi verso il cambiamento, una estate bollente in cui Corvino e Fenucci avranno un ruolo chiave, il primo si occuperà di tutta la parte tecnica, il secondo valuterà le risorse economiche a disposizione. La stagione è appena finita, ma quella nuova è già iniziata.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy