Bologna, la curva contesta la proprietà

Bologna, la curva contesta la proprietà

La Curva Andrea Costa ha oggi manifestato il proprio dissenso verso la proprietà rossoblu, nella fattispecie contro il presidente Albano Guaraldi, accusato di non saper gestire la società. Sin da prima del fischio d’inizio, fuori dallo stadio è apparso lo striscione “Guaraldi occhio: noi non siamo Biondi”, tirando anche in ballo esponenti della stampa locale. In seguito, poco prima che iniziasse la partita è stato esposto un altro striscione con scritto “DS e Presidenza, bugie e incompetenza: ORA BASTA”. Inoltre sono partiti dei cori che incitavano il presidente ad andarsene e che i tifosi presenti in tribuna avrebbero fischiato, per dissociarsi dalla contestazione dei gruppi della curva. Con la contestazione di oggi, i tifosi hanno nuovamente dimostrato di non essere affatto soddisfatti del modo di condurre il Bologna da parte dell’attuale proprietà a partire dalle ultime campagne acquisti,  alle promesse non mantenute, ai soldi investiti nel futuro centro tecnico, sino alla vicenda Portanova, in procinto di passare al Genoa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy