Stadio – Bologna, nostalgia di casa

Alcuni rossoblu vorrebbero tornare nel proprio paese d’origine

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

C’è voglia di normalità unito a nostalgia di casa tra le fila del Bologna. L’ultimo in ordine cronologico a manifestare questi mal di pancia è stato Federico Santander, espostosi al quotidiano sudamericano Abc. Nelle parole del Ropero c’è la consapevolezza del momento complicato. Il suo ritorno in patria è infatti stato fermato dal blocco dei voli. Un momento di insofferenza che accomuna i giocatori rossoblu anche ai cittadini comuni. L’unico a essersi spostato per tornare a casa è infatti Roberto Soriano, corso a Genova dalla moglie incinta del secondo figlio.

Il “mal di casa” di Santander è condiviso dagli altri sudamericani. Dominguez ad esempio aveva pianificato una fuga in direzione Argentina assieme alla compagna, salvo poi restare a Bologna. Stesso discorso per Gary Medel, che come Dominguez avrebbe dovuto affrontare la quarantena obbligatoria in caso di rientro in Cile. La tecnologia aiuta a colmare le distanze ma non può placare appieno la nostalgia dei propri cari.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy