Il Bologna ricerca la sua Musa ispiratrice

Barrow ritrova la Roma da avversario dopo la doppietta dell’anno scorso
di Andrea Paganelli

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

L’ultima partita tra Roma e Bologna è stato lo specchio dell’anima della squadra di Mihajlovic da quando il serbo si è riseduto sulla panchina rossoblù: le reti subite, due in quell’occasione, la capacità di non arrendersi mai, e i gol, tre, dagli esterni d’attacco, si può riassumere così la partita del 7 febbraio all’Olimpico.

Tutti i sostenitori rossoblù vorrebbero riavvolgere il nastro a quella fredda nottata di inverno, dove il palco, dopo il gol del vantaggio siglato da Orsolini, se lo prese Musa Barrow, realizzando l’assist a Orso e soprattutto due gol d’autore. Il primo al ventiseiesimo, con il suo classico tiro a giro partendo da sinistra e accentrandosi, il secondo al cinquantaduesimo, partendo da metà campo ed entrando in area di rigore con un paio di finte e rimanendo poi freddo davanti a Pau Lopez. Il gambiano di allora è un lontano parente del giocatore caracollante visto in queste prime partite, così come il Bologna sembra aver perso le caratteristiche della squadra che sconfisse a domicilio la formazione capitolina. L’auspicio, per Mihajlovic e tifosi, è quello di vedere nel match di domenica Musa e i suoi compagni invertire finalmente la rotta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy