Gazzetta – I cambi non incidono, l’unico decisivo è stato Paz

I subentrati non portano punti ai rossoblù, Mihajlovic ha sorriso solo con l’ex giocatore rossoblù

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

C’è un problema che contraddistingue il Bologna, ed in particolare Sinisa Mihajlovic. Una volta recuperati quasi tutti i giocatori dall’infermeria, c’è da risolvere la questione cambi.

Perchè nel calcio post-covid le sostituzioni sono addirittura 5, e rappresentano un’importante risorsa per ogni squadra. Gli allenatori hanno infatti la possibilità di variare assetti e trovare forze fresche dalla panchina. Allo staff tecnico rossoblù questo è mancato e sta mancando tuttora: i subentrati che entrano a partita in corso non incidono quasi mai sulla partita, non portando punti alla squadra. L’unico in questo senso è stato Nehuen Paz, con l’ex giocatore del Bologna che ha siglato il gol del pareggio contro l’Atalanta a dicembre. Escluso Orsolini, che ha segnato a Parma il gol dello 0-3 ma con la partita già in cassaforte, il resto è stato poca cosa. Skov Olsen contro il Milan è apparso poco concentrato e ha sbagliato parecchio appoggi(pur facendo l’assist), Poli contro i rossoneri ha segnato ma la sua rete è stata inutile ai fini del verdetto finale. Lo stesso Sinisa, al termine della partita contro il Benevento, ha bacchettato Orsolini, affermando che pretende di più da lui, anche se da subentrato. Perchè, come ha ripetuto come un mantra il tecnico serbo, anche chi entra a partita in corso può essere determinante come chi parte titolare.

Fonte-Gazzetta

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy