Gazzetta – Grinta e tattica, Mihajlovic e gli intervalli ad alta tensione

Il tecnico serbo e la sua capacità di cambiare la squadra

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Il cambio di sistema che ha permesso al Bologna di quasi battere il Napoli è stato solo l’ultimo dei colpi da maestro di Sinisa per svoltare le partite in corso. Il tecnico in questa stagione ha infatti saputo sfruttare al massimo gli intervalli per trasformare il suo Bologna e portare a casa punti preziosi. Il passaggio dalla difesa a quattro a quella a tre contro i partenopei ha aiutato a dare densità al centrocampo, alzando il baricentro e la linea del pressing per soffocare la manovra azzurra.

Ma è come motivatore, più che come stratega, che Sinisa spesso costruisce le rimonte dei suoi ragazzi. La sua personalità anche nei periodi in cui era costretto a lavorare da remoto si faceva sentire. L’esempio cardine è la rimonta da 3-1 a 3-4 vissuta in quel di Brescia, con un Bologna appannato capace di travolgere le Rondinelle in un secondo tempo emozionante.

Ma non sempre serve aspettare l’intervallo per vedere cambi di passo nella squadra di Mihajlovic. Contro l’Inter è bastato un cooling break per riaccendere la scintilla nei suoi ragazzi. La forza del tecnico è quella di caricare la sua squadra con grinta e adrenalina. Ultimamente lo ha adottato anche sui singoli e tra i primi a rispondere c’è stato Barrow con la sua scarica di gol. Così il Bologna sta cambiando pelle a poco a poco.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy