Ecco il decreto: porte chiuse fino al 3 aprile. Recuperi: nel weekend le partite rinviate

Ecco il decreto: porte chiuse fino al 3 aprile. Recuperi: nel weekend le partite rinviate

Il Governo vara il decreto: fino a diverse disposizioni stop fino al 3 aprile

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Il decreto governativo pone restrizioni ad eventi sportivi fino al 3 aprile. Per ora, la Serie A potrà proseguire solo senza pubblico e per un periodo di tempo di un mese.

Il testo – ‘Sono sospesi altresì gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato […] restano comunque consentite le sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano […] Le disposizioni del presente decreto producono il loro effetto dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sono efficaci, salve diverse previsioni contenute nelle singole misure, fino al 3 aprile 2020”.

Fonte Gazzetta.

Per quanto riguarda il possibile nuovo calendario, si va verso i recuperi delle partite rinviate nello scorso weekend. Il programma potrebbe essere questo: Sampdoria-Verona, sabato sera alle 20.45, domenica Milan-Genoa alle 12.30, Parma-Spal e Sassuolo-Brescia alle 15, Udinese-Fiorentina alle 18 e Juve-Inter alle 20.45. Con queste indicazioni, Bologna-Juve dovrebbe giocarsi venerdì 13 alle 20.45.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gging - 4 settimane fa

    Spero che lo staff che cura la comunicazione del BFC come ha fatto finora stupendoci con iniziative di comunicazione sempre efficaci, innovative e bellissime riesca a studiare effetti speciali audio e video affinchè i ragazzi una volta in campo sentano il meno possibile l’assenza dei tifosi . Non vedo l’ora di sentire e vedere in tv queste coreografie simulate .

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy