Destro può riprendersi il Bologna

Mattia già in gruppo, col Frosinone ci sarà

di Manuel Minguzzi, @manuel_minguzzi

Ha accelerato i tempi di recupero, lavorando da solo a Casteldebole quando gli altri hanno beneficiato di un giorno di semi riposo. Mattia Destro è pronto a riprendersi il Bologna e strappare la prima convocazione in gare ufficiali.

L’attaccante di Ascoli Piceno sarà dunque della partita domenica a Torino contro il Frosinone, anche se chiaramente dovrà ancora conquistarsi una maglia da titolare. Ma qualche speranza di riprendersi il campo c’è. Palacio ha 36 anni e difficilmente può essere il titolare per 38 partite, Santander ha accusato una contusione alla coscia e potrebbe non essere in condizioni ottimali, tra l’altro il paraguyano non è ancora al top della forma, e allora ecco che col Frosinone Inzaghi potrebbe dare spazio alla coppia d’attacco italiana Destro-Falcinelli. Supposizioni, per ora, ma nel corso della settimana si scoprirà di più sulle intenzioni del tecnico. Ieri, intanto, partitella con la Primavera per le riserve proprio con Destro e Falcinelli in campo.

E’ la stagione del rilancio per Mattia, l’ultima chance dopo una annata complicata e in generale tre anni da top player costellati da ostacoli e intoppi. E se da un lato il Bologna non aveva chiuso l’ipotesi di una cessione, dall’altro è stato proprio il giocatore a decidere di restare, declinando le diverse offerte che gli erano giunte sul tavolo. Destro parte quarta scelta, ma è anche vero che al momento è colui che ha il pedigree da attaccante da doppia cifra a differenza dei compagni: è la sua grande occasione. Dovrà convincere Inzaghi come sempre durante la settimana e la domenica e se si esclude lo stiramento di una settimana fa Destro è riuscito ad effettuare tutto il lavoro fisico estivo senza intoppi. In attesa di Santander, Destro può ora ribaltare qualche gerarchia in un attacco tutto da scoprire ma che dovrà avere un terminale efficace. Mattia si candida.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy