Carlino – La Lazio è senza pietà: Mihajlovic cade a “casa sua”

Carlino – La Lazio è senza pietà: Mihajlovic cade a “casa sua”

Grandi emozioni dagli spalti: i tifosi biancocelesti rendono omaggio all’allenatore del Bologna

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Il Bologna non ce l’ha fatta: una Lazio troppo forte ha sistemato i rossoblu con un netto 2-0. Grande spettacolo ieri pomeriggio sul campo dell’Olimpico, ma non solo. Per una volta, il calcio italiano può dire di aver assistito ad episodi emozionanti e sinceri anche dagli spalti. La tifoseria biancoceleste, infatti, come previsto, ha reso omaggio a Sinisa Mihajlovic. Grande ex dei laziali, il tecnico serbo era in campo nella stagione 1999/00 quando la squadra di Eriksson vinse l’ultimo scudetto. I sostenitori di casa non dimenticano 6 anni trascorsi alla grande, ed ecco che ieri – similmente alla gara d’andata, in cui hanno messo in atto un pellegrinaggio con direzione San Luca – non hanno fallito l’appuntamento.

La curva ci ha infatti tenuto a regalare a Mihajlovic un quadro commemorativo, in segno di rispetto e, soprattutto, affetto. Partita sicuramente speciale per il mister, nonostante poi sia riuscito a dimostrare la sua solita grinta agonistica durante l’arco dei 90′. Le emozioni vere partono però qualche attimo prima. Al momento del suo ingresso in campo, infatti, il serbo ha attraversato una passerella di applausi e cori da parte dei tifosi avversari. Di certo, non si sarà perso nemmeno il fantastico striscione in suo onore: “Sei un guerriero. Un esempio per tutti noi. Avanti così Sinisa”. L’unico che è riuscito a rovinargli la festa è stato il suo ex compagno Simone Inzaghi, che ha avuto la meglio sul terreno di gioco. Poco importa. Mihajlovic ha ottenuto il caldo ritorno a casa che tanto desiderava.

Fonte: “Carlino”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy