Bologna – Patto rispettato dopo la fine del ritiro

I rossoblù hanno capito le intenzioni del ritiro e hanno ripagato sul campo

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Dopo la disfatta interna subita in casa contro la Roma, Sinisa Mihajlovic aveva ordinato un ritiro punitivo alla squadra fino alle vacanze di Natale, con l’intenzione di dare una scossa.

Scossa che è sembrata esserci, almeno in parte. Qualche segnale positivo dalla squadra si è visto nelle partite successive a quella con i giallorossi: 3 pareggi consecutivi (prima il Bologna non ne aveva conquistato ancora nessuno) contro Spezia, Torino e Atalanta e altrettante rimonte. E se è vero che a La Spezia potevano essere 3 punti con il rigore al novantesimo fallito da Barrow, è anche vero che contro i granata e la Dea poteva andare anche peggio. La squadra di Mihajlovic ha dimostrato carattere, rimanendo in partita fino all’ultimo, anche quando sembrava già persa. L’ultima partita di quest’anno contro gli uomini di Gasperini ne è un esempio. I giocatori rossoblù sembrano aver imparato la lezione dopo il ritiro ordinato da Sinisa, a maggior ragione dopo che Poli e Palacio si sono presi la responsabilità di interromperlo anticipatamente. Mihajlovic è andato incontro ai suoi calciatori, e loro lo hanno ripagato. Soprattutto se si pensa che il tecnico serbo ha concesso il permesso a Tomiyasu, Medel e Danilo di tornare rispettivamente in Giappone, Cile e Brasile, assumendosi i rischi di qualche acciacco alla ripresa. I lavori a Casteldebole ricominceranno mercoledì 30 dicembre.

Fonte – Stadio

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy