Bologna – 8 milioni per Ibra, ma c’è anche un piano B

Bologna – 8 milioni per Ibra, ma c’è anche un piano B

Ibrahimovic è al primo posto, ma occhio a Cutrone e non solo

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

La situazione in casa Bologna non è delle migliori. Oltre alle condizioni di salute di Mihajlovic, per chi guarda soprattutto al campo, la classifica non è per niente bella. La società e il mister stesso sanno di dover fare qualcosa già dal mercato di gennaio, sebbene i piani iniziali fossero quelli di limitarsi a qualche minimo ritocco se necessario. Arriverà Dominguez, questo è certo. Ma Mihajlovic vuole anche un attaccante. Il favorito numero uno non può che essere Zlatan Ibrahimovic, che ieri ha salutato i Galaxy. Il centravanti svedese – spinto tra le braccia di Sinisa anche dall’ex compagno Vieira – richiede tanti soldi, ma il club rossoblu ci sta lavorando: la concorrenza è sempre più elevata, ma Saputo avrebbe messo sul piatto 8 milioni di euro per 18 mesi.

Se non dovesse andare in porto l’affare Ibra, l’allenatore serbo vuole comunque un rinforzo nel reparto offensivo. La prima alternativa sembra essere Cutrone, che era già stato nel mirino di Bigon nell’estate del 2016. L’ex Milan è approdato al Wolverhampton quest’estate per 18 milioni di euro più bonus, ma sta giocando poco: se gli inglesi aprissero al prestito, l’operazione diventerebbe possibile. I rossoblu tengono d’occhio però anche altre pedine che avevano fatto gola già nei mesi passati: da Favilli a Gabbiadini, fino a Petagna. In ogni caso, con o senza Ibra, il Bologna sa di dover vendere. Se Santander pare tutt’altro che in vendita, lo stesso non si può dire di Destro: costantemente acciaccato e al di sotto delle aspettative, è stato chiamato da Donadoni in Cina. Mai come adesso, visto anche il suo pesante ingaggio, il Bologna sarebbe contento di lasciarlo partire.

Fonte: “Carlino”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy