Mercato di gennaio: Ausilio a Zagabria per visionare Pjaca

Mercato di gennaio: Ausilio a Zagabria per visionare Pjaca

Marko Pjaca, il talentino croato che già dall’anno scorso aveva fatto impazzire il d.s. rossoblù Pantaleo Corvino e non solo, ritorna prepotentemente come nome per gennaio per molti club stranieri ma anche italiani.
Miglior giocatore del campionato croato e miglior giovane della stagione 2014/15.
Le relazioni degli osservatori sono tutte estremamente positive: ciò che colpisce maggiormente è la sua falcata e la sua continua voglia di sfidare gli avversari nell’uno contro uno (una abilità sicuramente molto rara nel calcio italiano oggigiorno). Un giocatore capace quindi di creare superiorità numerica in zona offensiva, partendo molto largo ma tentando spesso il taglio verso il centro per liberare il tiro.

Questo è il profilo del giocatore, offertoci dal sito della “Uefa Champions League”, affiancato anche da qualche dichiarazione rilasciata dalle persone che in questi anni lo hanno visto crescere.

Nome: Marko Pjaca
Squadra: Dinamo Zagreb
Debutto: 24 febbraio 2012 in Lokomotiva Zagreb – Zadar
Ruolo: centrocampista
Nazionalità: Croata
Data di nascita: 6 maggio 1995
Piede preferito: destro
Altezza: 186cm

Dicono di lui…
“Marko è un giocatore fantastico dalle grandi potenzialità. Quando è concentrato e in giornata, è in grado di fare cose eccezionali”.
Zoran Mamić, allenatore Dinamo Zagreb

“In pochi allenamenti mi ha impressionato più di ‘Modrić’ ai tempi della Dinamo. Pjaca è incredibile in campo”.
Gordon Schildenfeld, difensore recentemente tornato alla Dinamo Zagreb

“È uno dei rari giocatori in grado di svolgere bene entrambe le fasi. Se devo paragonarlo a qualcuno quando ha il pallone tra i piedi, dico Karim Benzema. Non sto dicendo che sia il nuovo Benzema, ma mi ricorda molto il francese nelle situazioni uno contro uno”.
Tomislav Ivković, ex allenatore di Pjaca al Lokomotiva

Mercato Bologna: A gennaio dell’anno scorso il classe 95′ sembrava ad un passo dalla squadra rossoblù, con blitz di Pantaleo Corvino (molto amico del suo procuratore Marko Naletic e in ottimi rapporti con Zdravko Mamic, l’uomo che comanda non solo la Dinamo ma anche gran parte del calcio croato) con un’offerta di 8 milioni di euro e l’arrivo del ragazzo a giugno in quel di Bologna.
La trattativa si sgonfiò molto velocemente.
Questo nome però rimase nell’agenda del d.s. rossoblù che agli inizi di giugno lo aveva come primo colpo del mercato per la rivoluzione felsinea. Il “problema” è che il giocatore fu convocato nella nazionale maggiore aumentando così di 3-4 milioni la sua valutazione.
Come sappiamo, sfogliando anche i nomi presenti nella nostra rosa, il ragazzo non approdò mai sotto le due torri.

Mercato Italiane: A gennaio di quest’anno, invece, è stato messo sul taccuino di altri direttori sportivi.
Come riporta infatti “La Gazzetta dello Sport” – il d.s. Piero Ausilio ieri, nel suo consueto giro per l’Europa delle “Coppe”, sarebbe stato a Zagabria per Dinamo-Olympiacos per osservare Marko Pjaca, 20enne ala sinistra/seconda punta croata e il 24enne Semih Kaya, centrale del Galatasaray.
Infatti questi due ragazzi rientrerebbero nella rosa dei papabili come possibili acquisti a gennaio per puntare allo scudetto.

Una lotta che ora come ora coinvolgerebbe sicuramente Inter e Milan (già vicina al ragazzo a Luglio) in Italia e squadre come Arsenal (sempre attenta ai giovani) per quanto riguarda l’Inghilterra e Bayer Leverkusen per la Germania.
Chissà se Corvino ha già cancellato questo nome della sua lista?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy