Civolani: “Acquafresca sfrutta lecitamente la situazione”

Civolani: “Acquafresca sfrutta lecitamente la situazione”

Ciò che ormai tutti sanno benissimo, è che il calciomercato del Bologna F.C. sembra essere quasi al termine o meglio, se alcuni giocatori non cambiano casacca al più presto, allora nessun nuovo giocatore può entrare a far parte della rosa.

La questione viene posta un po’ da tutti i tifosi del Bologna, o comunque da qualsiasi individuo che ruota attorno la società. Anche il giornalista Civolani parla della questione alla trasmissione “Quasi Goal” di RadioBologna1: “Acquafresca è un danno per noi, ma è colpa nostra, noi abbiamo fatto questo contratto faraonico, bisognerebbe mettere in galera chi ha fatto tale contratto. Acquafresca sfrutta lecitamente la sua situazione che è stata creata da altri, ormai è un giocatore morto da due-tre anni. Il Bologna comunque è una buona squadra, proiettandoci al mercato estivo dovrebbe solo prendere Gabbiadini e un’ala tipo El Shaarawy. Ad esempio El Shaarawy lo avrei preso anche ora. La trattativa con Ramirez era un’idiozia, meno male che non si è realizzata.”

Ciò che quindi possiamo affermare è che questo Bologna ci ha convinto sempre di più, e che sostanzialmente molti ormai ritengono scongiurato il pericolo retrocessione, anche lo stesso Civolani che oggi ha dichiarato:”Il Bologna può puntare alla parte sinistra della classifica, se arrivassimo noni o decimi, ci sarebbero delle buone probabilità di arrivare l’anno prossimo ottavi o settimi. Secondo me si salva anche il Chievo, e penso che ormai Frosinone e Carpi siano quasi spacciate. Anche la Sampdoria se perdesse Eder rischierebbe,  e non so se riuscisse a prendere Paloschi. Da una parte potrebbe accadere perché il Chievo guarda molto ai soldi, ma se i gialloblù perdessero Paloschi, e non prendessero nessuno, allora arriverebbero quasi sicuramente in una posizione scomoda della classifica, sicuramente dopo il Bologna.”

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy