Montezemolo: “Non entrerò in società ma a Saputo tutto il mio appoggio. Bologna che emozione”

Montezemolo: “Non entrerò in società ma a Saputo tutto il mio appoggio. Bologna che emozione”

E’ ancora scosso ed emozionato Luca Cordero di Montezemolo, era presente al Dall’Ara martedì sera e ricorda ogni attimo vissuto durante la partita: “E’ stata una gara emozionante, quando il Pescara ha pareggiato e poi siamo rimasti in 10 il pubblico ha iniziato a sostenere quasi fisicamente i giocatori. Immaginate che atmosfera si sarebbe creata se avessimo preso quel goal, ma la traversa ci ha salvati”. 

Al Dall’Ara si sente a casa, è un tifoso rossoblù ed un bolognese, per questi motivi il suo appoggio a Saputo non mancherà mai. “Ogni volta che torno in questo stadio è un’emozione unica -racconta Montezemolo- io ho detto a Saputo che gli garantirò tutto il supporto esterno che posso dargli come amico, tifoso, imprenditore e bolognese. Io con lui parlo spesso di Bologna e degli imprenditori della città, perché Saputo ha bisogno di sentirli vicini, come successo martedì”.

Niente ingresso in società dunque per Montezemolo che smentisce subito l’ipotesi di un suo approdo tra le fila societarie. Questo non toglie che l’attuale presidente di Alitalia nutra una stima profonda per la nuova dirigenza: “I Saputo sono una famiglia imprenditoriale molto seria, investono ma non sperperano. Oggi per vincere c’è bisogno di investimenti supportati da un gruppo manageriale forte”.

Investimenti che sicuramente verranno fatti sullo stadio. Montezemolo si augura che la nuova proprietà riceva aiuti dalla città e del Comune: “Spero che gli venga facilitato il lavoro. Poi saranno loro a decidere se costriurlo da zero o ristrutturare il Dall’Ara, quel che è certo che il Bologna deve programmare, lavorare con attenzione e metodo. Ma non credo avranno problemi”. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy