Matuzalem, ancora niente firma. Parti distanti sull’ingaggio

Matuzalem, ancora niente firma. Parti distanti sull’ingaggio

Il Bologna, come già ampiamente detto, ha l’assoluta necessita di cedere se vuol costruire una rosa che sia competitiva e che possa giocarsela nella massima serie. La promozione ottenuta al fotofinish, soffrendo e rischiando a dismisura, è la prova che il gruppo, seppur giustamente riempito di elogi dopo la conquista della A, va sistemato e arricchito.

Tanti quelli che hanno già salutato Bologna. Da Laribi a Krsticic fino a Sansone, autore della rete decisiva, molti quelli che si apprestano a farlo. La squadra della promozione è destinata, nel bene o nel male, ad essere ridisegnata.

Ma c’è anche chi ha convinto, c’è anche chi la società non vuole lasciarsi scappare. Tra loro ricordiamo i giovani Ferrari e Masina che hanno recentemente rinnovato il loro contratto, Mbaye riscattato dall’Inter, Oikonomou, per il quale il Bologna sta tentando di resistere alle tentazioni provenienti da Napoli, Zuculini, che sta lavorando senza sosta per tornare a disposizione e, ultimo in ordine di firma, Da Costa. 

Il portiere, grande protagonista dei playoff, ha rinnovato ieri e vestirà i colori rossoblù per altri tre anni. 

Il Bologna vuole trattenere anche Francelino Matuzalem. La trattativa con il brasiliano sembrava quasi conclusa, mancava solo qualche piccolo dettaglio da limare, particolari che in realtà si stanno rivelando più significativi di quel che sembrava. Ieri il calciatore non si è visto a Casteldebole a causa di una telefonata con Corvino non andata a buon fine: Matuzalem chiede infatti un ritocco all’ingaggio, 800mila euro per almeno una stagione. Parametri in linea con la serie A.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy