Juventus: la difesa è blindata, ma c’è una possibilità con i tiri da fuori

Juventus: la difesa è blindata, ma c’è una possibilità con i tiri da fuori

La Juventus blinda la sua area di rigore, ma concede qualcosa da lontano. Servir una grande prova dei rossoblù per scardinare una difesa di ferro

Sono 76 i precedenti tra Bologna e Juve nel capoluogo felsineo. 19 le vittorie dei padroni di casa, 31 le vittorie esterne, 26 i pareggi. L’ultima vittoria rossoblù risale al famoso tre a zero del 1998-1999, l’ultimo successo bianconero è lo zero-due di un paio di stagioni fa. Bilancio negativo per Donadoni nel confronto con Allegri, per lui 2 vittorie, 1 pareggio e 7 sconfitte. Allegri inoltre non ha mai perso contro il Bologna mentre Donadoni in passato ha ottenuto una sola vittoria contro la Juve (l’anno scorso, Parma-Juve 1-0).

Per quanto riguarda le statistiche, si nota come la Juve sia la migliore squadra del campionato per rendimento esterno (28 punti su 39) mentre il Bologna è la quintultima per rendimento interno (15 punti su 39). Il Bologna è una delle formazioni che ha un approccio migliore alla partita, i rossoblù infatti non hanno mai subito reti nei primi 15 minuti. Anche la Juve presenta un ingresso in partita convincente: 21 le reti messe a segno dai bianconeri nei primi 45 minuti, 15 quelle dei rossoblù. Il dato statistico interessante è relativo ai primi 15 minuti, il Bologna non subisce reti ma ne ha segnate 7. Attenzione ai bianconeri sulle palle alte (8 gol in stagione) e su palla inattiva (9 con 4 rigori).

Occhio alla ripresa. I bianconeri sono in grado di tenere alto il livello di gioco nell’arco di tutta la partita, infatti la squadra campione d’Italia spesso segna nell’ultimo quarto d’ora di gioco: è seconda in questa speciale classifica con 8 reti segnate tra il 76′ e il 90′ dietro solo alla Lazio. Il Bologna invece è la squadra peggiore del campionato per gol subiti in quella stessa frazione di gioco: 10. Da notare come la Juventus subisca pochissimi gol nella ripresa (solo 6) e risulti la migliore come rendimento nei secondi tempi. Il punto debole sembra essere il primo quarto d’ora di gioco, tra il 1′ e il 15′ i bianconeri hanno subito 4 gol, la quota maggiore nella distribuzione per quarti delle reti subite. Impressionante le statistiche juventine, squadra che concede poco in difesa: 2 soli gol subiti di testa, 5 da palla inattiva e solo 9 reti concesse in area di rigore. L’unico dato con una certa rilevanza a favore del Bologna è quello dei tiri da fuori, se la difesa Juve concede qualcosa questi sono proprio le conclusioni da lontano. 6 gol subiti da fuori, il 44% del totale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy