Il Bologna continua a crescere: porta inviolata nelle ultime tre partite

Il Bologna continua a crescere: porta inviolata nelle ultime tre partite

La difesa rossoblù è un muro. L’ultima rete subita porta la firma del viola Bernardeschi.

Il Bologna ha trovato la quadra. L’opaca prova di Palermo porta in dote un prezioso punto in classifica, ma non solo. L’imbattibilità della porta felsinea arriva a 364 minuti, un’infinità pensando alla difesa colabrodo di qualche mese fa. Mirante può stare sereno, il pacchetto arretrato felsineo regge l’urto degli attacchi avversari, che siano Morata, Zaza e Dybala o Vazquez e Gilardino poco cambia. Questo Bologna ha dimostrato di potersela giocare con chiunque.

L’ultimo gol segnato ai rossoblù porta la firma del viola Bernardeschi. Dopo la rete realizzata dal classe ’94, andato a segno al 14’ di Bologna-Fiorentina giocata il 6 febbraio scorso, nessuno è riuscito a bucare la linea Maginot emiliana. Gastaldello e Maietta danno ampie garanzie a mister Donadoni, ma alle loro spalle non bisogna pero tralasciare altri potenziali titolari come Oikonomou e Rossettini. Stesso discorso sulle fasce. Il Bologna è una squadra camaleontica, che può cambiare interpreti a seconda di chi si trova di fronte. Il tecnico rossoblù può contare su fluidificanti come Mbaye, Masina e Zuniga, ma anche su terzini più difensivi come Morleo, Ferrari e lo stesso Rossettini, spesso schierato sulla fascia destra. Niente paura quindi, la difesa del Bologna tiene botta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy