Emergenza difesa: due soluzioni per Donadoni

Emergenza difesa: due soluzioni per Donadoni

Tutto ruota intorno alla disponibilità di Maietta, che nella rifinitura di ieri è stato provato al fianco di Gastaldello.

Oggi, come non mai, Donadoni si ritroverà con più di un grattacapo per disegnare la formazione che scenderà in campo alle 18 contro la Fiorentina. L’emergenza, ironia della sorte, non riguarda ogni reparto, bensì solo quello arretrato. Come se non bastassero le squalifiche di Oikonomou e Ferrari e le scarse condizioni fisiche di Constant e Zuniga (comunque convocati), ieri è arrivata la mazzata degli infortuni di Mirante e Rossettini, entrambi out per almeno due settimane.

Ecco allora che le scelte del mister sono forzate, avendo a disposizione solo quattro difensori. Messa da parte l’idea di un cambio di modulo, tutto passa dalla disponibilità o meno di Maietta. L’ex Verona non gioca dalla trasferta di Milano, non è al 100%, ma ieri è stato provato durante la rifinitura e da Casteldebole filtra ottimismo. Il giocatore farà di tutto per esserci ed è pronto a stringere i denti in un momento tanto difficile.

Ma c’è un’ipotesi B: Masina centrale al fianco di Gastaldello, con Morleo a sinistra. Una novità quasi estrema, ma necessaria se Maietta non dovesse farcela. Gli unici sicuri del posto là dietro sono insomma Da Costa, alla prima da titolare con Donadoni, Gastaldello, di rientro dalla squalifica, e Mbaye, al quale verrà data l’ennesima occasione di rilancio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy