Ecco la Virtus che non t’aspetti: sconfitta la capolista Pistoia

Ecco la Virtus che non t’aspetti: sconfitta la capolista Pistoia

Nonostante le assenze, la Virtus si impone 76-72 sulla capolista e si tiene a distanza dall’ultimo posto

Senza Ray, senza Williams e contro la capolista Pistoia, la Virtus piazza la prestazione che non t’aspetti e torna alla vittoria, confermandosi squadra più da casa che da trasferta. Guidati da un ritrovato Fells e da un finalmente decisivo Fontecchio, i bianconeri con questo risultato si tengono a due punti di distanza dall’ultima in classifica Torino, anche lei vittoriosa contro Sassari grazie a un clamoroso buzzer-beater di Jerome Dyson.

Partita brutta sin dai primi giri di lancette, con percentuali di tiro agghiaccianti da entrambe le parti. La Virtus riesce comunque a decollare subito con un netto 10-1, al quale Pistoia risponde alla stessa maniera e i primi dieci minuti si chiudono sul 12 pari.

La seconda frazione procede in maniera inversa, poiché Pistoia continua a martellare allungando sul 12-18. Le percentuali in questo quarto si aggiustano un po’, con la Virtus che passa da un orrendo 21% a un quasi sufficiente 44% da due: merito di un perfetto Simone Fontecchio, che sale in doppia cifra e nella seconda metà bilancia nuovamente la situazione tra le due formazioni. 34 pari il risultato alla sirena.

A fine terzo quarto la statistica bianconera del tiro da 2 recita 1/11, e verrebbe naturale pensare a una Virtus ormai affossata nel punteggio. E invece. Invece la squadra di Valli a dieci minuti dalla fine è addirittura sul +2, grazie alle triple di Gaddy e Fells e a dei buoni esiti di Pittman dalla lunetta (ma, stavolta, solo da lì). Pistoia si affida ad Antonutti e Moore e si entra così nell’ultima frazione sul 51-49.

Se nel primo tempo è stato Fontecchio il cavallo bianconero su cui puntare, nella ripresa è Fells a ricoprire questo ruolo. E’ lui a guidare il parziale iniziale di 10-2, dopo il quale gli ospiti non riusciranno più a mettere la testa avanti nonostante gli sforzi profusi. Gli uomini di Esposito, infatti, in un finale punto a punto arriveranno al massimo a -1 sul 67-66. La Virtus resiste e risponde colpo su colpo, finché a 34” dalla fine Odom (9 punti totali, 7 nell’ultimo quarto) non infila la tripla che regala l’allungo decisivo.

OBIETTIVO LAVORO BOLOGNA – TESI GROUP PISTOIA 76-72 (12-12, 34-34, 51-49)
OBIETTIVO LAVORO: Pittman 12, Fabiani 0, Vitali 7, Cuccarolo 0, Gaddy 14, Fontecchio 15, Mazzola 2, Oxilia 0, Fells 17, Penna 0, Odom 9. All. Valli.
TESI GROUP: Di Pizzo NE, Knowles 9, Mastellari 0, Antonutti 12, Lombardi 4, Filloy 4, Severini 0, Czyz 12, Blackshear 8, Moore 11, Kirk 12. All. Esposito.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy