Donadoni: “C’era rigore sul mano di D’Ambrosio. Destro? Non contano solo i gol fatti”

Donadoni: “C’era rigore sul mano di D’Ambrosio. Destro? Non contano solo i gol fatti”

Le parole di mister Donadoni nel post partita

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Uno stizzito e rammaricato Roberto Donadoni, si è presentato davanti ai giornalisti nel post partita di Inter-Bologna. Il tecnico è stato stuzzicato sugli episodi arbitrali e sulle scelte di formazione:

“Siamo dispiaciuti perché potevamo fare risultato – ha affermato – C’è demerito da parte nostra per non aver almeno pareggiato: dovevamo essere più determinati. Sulle occasioni da gol dobbiamo essere più decisi, cogliere l’attimo e non aspettare gli eventi. Il rigore? Il braccio di D’Ambrosio non è attaccato al corpo, ma è sempre una interpretazione senza una regola precisa. Comunque ha poco senso parlare degli arbitri, perché decidono come meglio credono sui colpi di mano.  Mi rammaricano di più i cartellini: Mbaye è stato ammonito quando è stato provocato e la dinamica dell’espulsione di Masina bisogna capirla”

Su Mattia Destro: “Se mettevo dentro Destro chi avrei dovuto togliere? Non sono i gol che contano in alcune valutazioni, ma la voglia e la determinazione del singolo. Anche in questo modo bisogna saper leggere le partite. Metterlo su a partita in corso sarebbe la cosa più ovvia. Ma non ce l’ho con qualcuno se non lo faccio entrare. Avenatti quando è sceso in campo ha fatto la sua parte. Io in discussione? No, io devo solo lavorare per fare crescere la squadra”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy