Donadoni: “A Milano con il giusto atteggiamento, spero che il mercato finisca presto”

Donadoni: “A Milano con il giusto atteggiamento, spero che il mercato finisca presto”

Conferenza stampa di vigilia per il tecnico del Bologna Roberto Donadoni, chiamato ad affrontare il Milan nel giorno della Befana ma anche a fare i conti con un calciomercato che può distrarre i suoi ragazzi dall’obiettivo primario della squadra. Come sempre, il tecnico ha analizzato con lucidità la situazione

Donadoni, domani sfida al suo passato: che partita sarà?

“Dobbiamo cercare di fare la nostra partita, l’intento è come sempre mettere in difficoltà l’avversario. Stare bassi contro il Milan non può essere la soluzione giusta. Con l’Empoli questo aspetto non ci è riuscito”

Serve dunque l’atteggiamento giusto.

“Mi aspetto che i ragazzi mettano in mostra la loro predisposizione ad essere propositivi, vorrei vedere la voglia di osare. Questo non significa attaccare allo sbaraglio ma avere il desiderio di mettersi in mostra”.

C’è qualche assenza, peserà?

“La disposizione al lavoro del gruppo è solida, i ragazzi sanno che devono tenere alta la concentrazione perché la mente condiziona il fisico. Solisti non ne abbiamo tanti e quindi è nostro dovere giocare di squadra”.

Destro come sta?

“Bene, è sempre più convinto dei propri mezzi e ha capito il suo ruolo in questa squadra”.

Che effetto le farà tornare a San Siro?

“Mi evoca tanti ricordi, anche perché giocare lì non è semplice tra responsabilità, pressione e aspettative. Per ogni allenatore squadre come il Milan sono un punto d’arrivo, ma ora la mia realtà si chiama Bologna perché voglio fare bene e perché le potenzialità per rilanciare il club ci sono tutte”.

Capitolo mercato: attendi rinforzi?

“E’ un periodo che può essere fastidioso, va affrontato nella maniera giusta altrimenti condiziona il nostro rendimento. Spero solo che si possa fare in fretta in modo tale che si possa lavorare serenamente”.

Se le diciamo il nome di Floccari?

“Lo conosco, per il Bologna sarebbe un vantaggio averlo ma nel caso vorrei si risolvesse in fretta. L’ideale sarebbe inserire in organico giocatori pronti ma anche futuribili, so che non è facile”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy