Da oggi si prepara la volata finale, allentando un po’ la pressione

Da oggi si prepara la volata finale, allentando un po’ la pressione

C’è un altro grosso problema che attanaglia il Bologna in questa stagione: il nervosismo. Pensate che sono tre le partite che i rossoblù hanno finito in nove e undici quelle in cui l’arbitro ha estratto almeno un cartellino rosso. C’è di più, perché si tratta nello specifico di sei rossi nelle ultime sette gare. Pesano tanto le espulsioni di Maietta e Buchel a Bari, ancora di più quelle di Laribi a Carpi (è ancora il secondo marcatore in maglia rossoblù) e Sansone a Frosinone (probabilmente l’ex Samp avrebbe tolto le castagne dal fuoco sabato). Bologna troppo nervoso o arbitri troppo permalosi? Forse la verità sta nel mezzo ma è impossibile imputare alla severità della classe arbitrale tutte e 14 le espulsioni da inizio stagione ad oggi. E’ un aspetto su cui Rossi dovrà lavorare perché un cartellino di questo tipo in una gara di playoff può davvero costare caro. Oggi inizierà a lavorarci a Casteldebole dove sarà chiamato a sostituire Ceccarelli per la sfida di Vercelli. Scalda i motori Mbaye anche se Garics, con le gerarchie azzerate, si gioca qualche chance. Per quanto riguarda il resto dell’ipotetica formazione è ovviamente presto per fare pronostici, di sicuro il Bologna del secondo tempo contro l’Avellino ha trovato una sua quadratura con Matu regista e Krsticic trequarti, probabile che Rossi decida di proseguire sui punti fermi individuati in questi pochi giorni. Torneranno in difesa gli esperti Maietta e Gastaldello ma vista l’opaca prestazione di Mancosu contro gli irpini non è escluso che pure Cacia si ripresenti con la maglia da titolare, al suo fianco forse il vero e unico bomber di questa squadra: Gianluca Sansone. In mediana dovrebbero essere inamovibili Buchel e Casarini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy