Bucci: “Con Varese sfida importante, ma non decisiva. Servirà il sostegno dei nostri tifosi”

Bucci: “Con Varese sfida importante, ma non decisiva. Servirà il sostegno dei nostri tifosi”

Le parole del nuovo presidente della Virtus Alberto Bucci, intervistato da “Il Resto del Carlino”.

La Virtus Bologna contro Sassari ha ritrovato la vittoria in trasferta che mancava da più di un anno, l’arrivo di Andre Collins e l’elezione del nuovo presidente, Alberto Bucci, ha ridato equilibrio e serenità a una squadra in piena lotta salvezza.

Bucci all’età di 67 anni è diventato il numero uno delle Vu Nere, di cui era stato anche allenatore per diverse stagioni in passato. Intervistato da “Il Resto del Carlino”, il nuovo presidente ha parlato in primis della vittoria in Sardegna: “Il risultato di domenica serve ai giocatori per prendere coscienza di quello che possono fare. A volte c’è differenza tra il saper fare e quello che effettivamente si può fare: per fare dobbiamo come prima cosa non aver paura di provare. Mi è piaciuto molto l’atteggiamento e devo dire che con Collins in campo abbiamo avuto tiri facili, mentre quando era in panchina le nostre soluzioni erano molto più complicate. Abbiamo preso coscienza che possiamo realizzare anche 18/20 punti per quarto e vincere contro la Dinamo giocando una partita che nessuno si sarebbe aspettato.”

Bucci ha spiegato anche i motivi che lo hanno spinto ad accettare la presidenza della Virtus: “Porto alla squadra quello che ho dentro, vale a dire tanto entusiasmo. Bisogna mettere passione in quello che si fa per evitare che l’emotività dell’avversario ti sovrasti. Così con entusiasmo ho intenzione di parlare ai tifosi e all’imprenditoria bolognese per aiutare la Virtus ad avere un futuro più sereno.”

Il nuovo presidente ha anche parlato della negativa situazione attuale della pallacanestro in Italia: “Mancano le idee. La vita va avanti, la sua qualità migliora mentre il basket si è fermato. Non ci sono dirigenti nuovi, si vende un prodotto vecchio quando c’è sete di novità. Non è un discorso tecnico, perchè se io prendo Melli, Bargnani, Hackett, Gentile e cinque americani, vado in finale di Eurolega.”

Infine Bucci ha presentato la sfida di domenica prossima in casa contro Varese: “Sarà all’Unipol Arena, sulla mia seggiolina a soffrire. Abbiamo bisogno dei nostri tifosi, perchè il loro sostegno sarà fondamentale. Vorrei che fosse chiaro a tutti che è una gara importante, ma non decisiva, se vinciamo il discorso salvezza non è chiuso. Non possiamo permetterci calcoli, ma dobbiamo provare a ottenere quattro successi nelle quattro gare casalinghe che ci aspettano da qui alla fine. Anche in trasferta cercheremo di mettere a segno qualche risultato, per provare a salvarci contando solo sulle nostre forze.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy