Bologna e Palermo: il mondo è cambiato (e quel precedente del 2013…)

Bologna e Palermo: il mondo è cambiato (e quel precedente del 2013…)

Dalla gara di andata la situazione delle due squadre si è capovolta, ma a mettere paura ai rosanero è una ricorrente analogia…

La gara di andata fu particolare. Entrambi gli allenatori erano in bilico, i rosanero venivano dal ritiro di Gradisca d’Isonzo, voluto da Zamparini per motivare la squadra e verificare da vicino il lavoro di Iachini. Vinsero gli ospiti con Vazquez, Iachini salvò la panca, pure Delio Rossi che vide il suo Bologna giocare bene ma infrangersi sulle parate di Sorrentino.

Proprio il portiere venne a Bologna con l’intento di farsi perdonare qualcosa, ovvero quella papera che nel 2013 di fatto condannò i rosanero alla retrocessione. Palermo-Bologna, in panca Sannino con 6 partite da giocare. Palermo a caccia di punti salvezza, sfida decisiva. Rosanero avanti, ma un retropassaggio di Aronica mise Sorrentino in imbarazzo, il portiere andò con le mani ma il regolamento vieta all’estremo difensore questa situazione di gioco, indecisione, liscio con i piedi e Gabbiadini si avventa pareggiando. E’ l’inizio della fine. Una curiosità, anche questa volta il Palermo si gioca un pezzo di salvezza contro il Bologna, anche questa volta si gioca alle 12.30.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy