Fortitudo, via al mercato: Marques Green il primo nome

Fortitudo, via al mercato: Marques Green il primo nome

Dopo aver raggiunto la promozione in casa Fortitudo non si è perso tempo e ci si è gettati a capofitto sul mercato. Sarà un’estate diversa per tutti i tifosi biancoblù che, dopo anni di buio, possono finalmente tornare a sognare in grande. 

Il primo nome è già uscito fuori e sembra non si tatti solo di una voce. Si tratta di Marques Green, play americano con passaporto macedone. Per il cestista nato a Philadelphia la trattativa pare essere ben avviata e ci sono una serie di ragioni per le quali vederlo approdare alla Effe potrebbe non essere solo una suggestione.

Prima di tutto Boniciolli conosce Green, lo ha allenato ad Avellino nella stagione 2007/2008 e insieme hanno anche vinto la Coppa Italia. Secondo, l’americano è giovane ma non troppo (33 anni), è un play maker brevilineo e veloce ed ha la giusta esperienza per far crescere gente come Montano e Candi. Ma, cosa più importante, è un giocatore con la capacità di far girare la squadra mettendo in ritmo i compagni, ha sempre dimostrato il suo vale e i numeri parlano per lui: nel 2007/2008 ha vinto il titolo di miglior assistman, il titolo di miglior giocatore del girone d’andata ed ha avuto una media di 3,8 assist. Media che ha mantenuto anche nella stagione passata, giocata sempre ad Avellino. 

Nello stesso ruolo di Green la Fortitudo sta trattando anche Alessandro Piazza. Molto probabilmente sarà solo uno dei due a vestire la maglia dell’ Aquila. 

Anche Cusin è nel mirino della Fortitudo. Il pivot ha grosse possibilità di approdare a Bologna andando così a rinforzare un reparto di lunghi in cui dovrebbe rimanere anche Iannilli.

Per ammissione dello stesso Boniciolli, il club confermerà il 60% del roster della promozione. Al gruppo la società vorrebbe aggiungere anche un altro americano, nel ruolo di 4 o di 3-4.

Intanto, proprio nella mattinata di oggi, il mister sta visionando 5 giocatori: il play Gianluca Marchetti, il play guardia Luca Campogrande, l’ala pivot Stefano Quaglia e l’ala pivot Lorenzo Benvenuti. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy