Fortitudo, sette infortuni gravi. E’ solo sfortuna?

Fortitudo, sette infortuni gravi. E’ solo sfortuna?

Durante l’arco della stagione qualche infortunio può starci. Tanti e della gravità di quelli occorsi ai giocatori della Fortitudo, no. Dall’inizio della stagione sono stati sette gli infortuni gravi. Il primo è capitato a Samoggia, durante un’amichevole in precampionato: infrazione di una costola e un mese di assenza. Poi è toccato a Sorrentino: distacco del tendine estensore dell’anulare, quaranta giorni di stop. 

 

Con l’arrivo di Boniciolli ci sono stati la frattura del gomito di Iannilli, che ha stretto i denti continuando a scendere sul parquet, gli strappi muscolari di Lamma e di Montano, entrambi fermi per quindici giorni, lo stiramento agli adduttori di Italiano, e l’infortunio di Mancin, che si sta rivelando più grave del previsto, e c’è addirittura il rischio che la sua stagione possa essersi conclusa. Si parla di lesione ad un legamento lombare. Nella migliore delle ipotesi il pivot avrebbe comunque bisogno di tempo per riacquistare una dignitosa condizione atletica.

 

Valentini è il giocatore che più ha pagato in negativo il cambio di guida tecnica. Da elemento fondamentale nella Fortitudo di Vandoni, la guardia, con Boniciolli è stato impiegato col contagocce. il ragazzo ha subito anche degli infortuni muscolari, l’ultimo dei quali, dopo le due ore di allenamento di domenica scorsa, che si è riacutizzato ieri. Oggi sarà sottoposto a un’altra ecografia.

 

Rimangono dubbi ed interrogativi anche sui carichi i lavoro e sulla preparazione atletica. Perché non tutto può essere imputato solo ed esclusivamente alla sfortuna

 

Oggi alle 17:30 la Fortitudo disputerà un’amichevole a porte aperte con Montegranaro. Nella giornata i ieri sono stati venduti 200 biglietti per gara 1 della serie dei quarti di finale play off in programma domenica 26 aprile al Paladozza

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy