Carraretto: “La Fortitudo è uno stile di vita. Vogliamo andare in A2”

Carraretto: “La Fortitudo è uno stile di vita. Vogliamo andare in A2”

Ultima settimana di allenamenti e poi, sabato, si va a Forlì. La Fortitudo, messa da parte l’euforia dopo la vittoria contro Montichiari, è tornata in palestra ed ha iniziato a lavorare con la stessa intensità di prima, all’Aquila basterà infatti conquistare una vittoria su due alle Final Four per ottenere la promozione in A2.  Nonostante le cose si siano messe in discesa, i ragazzi di Boniciolli non vogliono abbassare la guardia e, come spiega Carraretto, arrivano all’appuntamento carichi e concentrati: “Arriviamo all’evento di sabato e domenica sicuri dei nostri mezzi – ha ammesso la guardia al Resto del Carlino – siamo consapevoli di essere una squadra vincente”.

Con molta probabilità la Fortitudo sabato incontrerà Siena, una gara speciale soprattutto per Carraretto. “Ho vinto lì 7 scudetti -racconta- e da avversario sarebbe la prima volta che li incontro. Ma questo non è importante, noi vogliamo vincere a tutti i costi, sarà una vera battaglia indipendentemente da chi incontreremo.”

La guardia è a Bologna da circa quattro mesi ed è rimasto colpito dalla passione e dall’entusiasmo che circonda l’ambiente biancoblù: “La Fortiitudo è uno stile di vita. Qui, dal presidente ai dirigenti, prima di essere dei professionisti sono dei tifosi. La vita del club è la loro vita e questo rende la Effe unica”.

Anche il pubblico rappresenta un punto di forza imprescindibile. “E’ davvero stimolante giocare con una tifoseria così. Non giochi per loro, giochi con loro”.

La Fortitudo è un gruppo nuovo, che mette insieme giovani diciottenni e cestisti vicini ai 40, un gruppo che gioca insieme solo da 3-4 mesi ma che è già riuscito a trovare il giusto spirito di squadra. “Il segreto è stato il lavoro svolto dal mister -afferma Carraretto- da quando è arrivato ha resettato tutto, siamo ripartiti da zero e per lui siamo tutti uguali. Con lui abbiamo svolto, e stiamo continuando a farlo, allenamenti molto duri sia sul piano atletico sia su quello fisico, abbiamo ancora margini di miglioramento davvero ampi”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy