Boniciolli ha cambiato la Effe, ecco come

Boniciolli ha cambiato la Effe, ecco come

La vittoria di sabato contro Montichiari ci riconsegna una Fortitudo in grado di lottare e battere chiunque in questo campionato. La controprova l’avremo ai playoff, ma è chiaro che il segnale mandato e l’arrivo di coach Boniciolli ci restituiscono una Effe diversa. Cambio mentale importante, miglioramento tecnico costante e gerarchie chiare. Poteva risultare difficile l’ingresso di un coach dal pedigree importante come Boniciolli, invece il lavoro svolto sta producendo gli effetti sperati in attesa della post season in cui i veri valori emergeranno. Individuate le colonne portanti della squadra (i senatori) Boniciolli ha costruito su di loro il nuovo corso dando ampio spazio ai giovani Candi e Montano, facendoli sentire importanti e decisivi all’interno del roster. Chiara anche l’idea di sfruttare al massimo la rosa lunga, non facendo quasi mai scadere il livello di gioco e mantenendo una chiara intensità difensiva lungo tutti i 40 minuti di gioco. Idee più chiare quindi, che hanno portato Sorrentino a ritrovarsi, Samoggia trasformarsi in giocatore chirurgico nei momenti importanti ed elementi come Raucci da utilizzare per le giocate offensive in alcuni frangenti del match. Ottimizzati alcuni giochi di attacco, Boniciolli ha introdotto nuovi concetti senza esagerare per non creare troppa confusione nella mente dei giocatori. Pochi concetti ma chiari e svolti alla perfezione, ecco come il coach ha cambiato la Effe.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy