Belinelli passa a Charlotte, giocherà nella franchigia di Michael Jordan

Belinelli passa a Charlotte, giocherà nella franchigia di Michael Jordan

di Tommaso Rocca

Non solo l’avventura estiva con la nazionale italiana, per Marco Belinelli l’attenzione si sposta anche oltroceano. Non si è ancora spento l’eco della grande rimonta nelle Finals che ha permesso ai Cleveland Cavaliers di laurearsi campioni NBA che la lega più importante del mondo ha vissuto un’altra serata importante specialmente guardando al futuro. Nelle notte si è difatti svolto il draft 2016 che ha permesso alle franchigie NBA di scegliere i più interessanti nuovi prospetti provenienti dai college di tutti gli Stati Uniti. Proprio nel corso del draft Marco Belinelli ha cambiato squadra: i Sacramento Kings lo hanno scambiato per una scelta (la n. 22 poi rivelatasi essere Malachi Richardson) cedendolo ai Charlotte Hornets, franchigia guidata dalla scrivania da Michael Jordan. La guardia di San Giovanni in Persiceto torna dunque sulla corsa est dove in questa stagione gli Hornets grazie a un’ottima seconda parte hanno raggiunto i playoff dove sono stati eliminati al primo turno dopo una serie emozionante e combattuta contro i Miami Heat. La franchigia della Carolina del Nord, allenata da Steve Clifford, non comunque certo di restare al 100%, è nelle mani di Kemba Walker, cresciuto stagione dopo stagione e ormai tra i migliori playmaker dell’intera lega. Dietro di lui ecco Jeremy Lin, esterno protagonista qualche stagione fa di una pazzesca parte di campionato a New York (rinominata Linsanity) ed il francese Nicolas Batum giocatore a tutto campo che ha dimostrato di essere tra i migliori europei oltreoceano. Belinelli arriva dunque in una squadra già collaudata, a differenza dei Kings dello scorso anno, che tra l’altro sono in completa rivoluzione con anche Cousins sul piede di partenza (su di lui i Lakers). Marco ha dimostrato di trovarsi più a suo agio in una squadra con una maggiore organizzazione e potrebbe essere proprio la franchigia di sua maestà Michael Jordan (che pare abbia messo una parola decisiva sulla trattativa) il posto giusto dove rilanciarsi dopo una stagione appannata. Intanto il “Beli”, in questi giorni a Bologna, pensa all’Italia e alle olimpiadi di Rio, poi una volta terminata l’estate sarà ora di pensare alla nuova avventura alla corte di MJ per far ricredere ancora una volta gli scettici sul suo conto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy