Beli mano fredda, i Clippers dell’amico Paul passano a Sacramento

Beli mano fredda, i Clippers dell’amico Paul passano a Sacramento

Sconfitta all’esordio per la guardia di San Giovanni in Persiceto con la maglia dei Kings, vincono i Clippersi di Chris Paul.

di Tommaso Rocca

Prima gara di stagione regolare per i Sacramento Kings versione 2015/16 e prima sconfitta davanti ai propri tifosi nel derby californiano contro i Los Angeles Clippers che ottengono la prima vittoria per 111-104. Alla Sleep Train Arena i giocatori di Doc Rivers fanno valere la loro maggiore esperienza ed alla fine hanno ragione dei Kings che comunque si sono dimostrati mai domi ed hanno confermato le loro ambizioni di lottare per i playoff pur in una difficile conference come è l’Ovest di oggi. Il Coach dei Kings, George Karl, attende l’arrivo all’arena di Rudy Gay, la cui moglie ha appena dato alla luce un pargolo, fino all’ultimo prima di scegliere l’iniziale starting five che vede Belinelli ancora in uscita dalla panchina. Marco gioca comunque oltre trenta minuti (secondo dietro solo a Cousins per tempo passato sul parquet) nei quali mette a referto 9 punti frutto di 3 triple con un 3/12 complessivo dal campo che dimostrano come la sua mano non sia ancora quella dei tempi migliori. Marco però non si perde d’animo e nella sfida che lo vede opposto all’amico fraterno Chris Paul (suo ex compagno a New Orleans) si mette al servizio della squadra e regala 7 assist per i compagni (sfiorato il suo massimo in carriera di 8) superati nel match solo dagli 11 di un super Chris Paul. Sacramento resta a contatto ma alla fine lo strapotere sotto canestro di Deandre Jordan e Blake Griffin permette ai Clippers di allungare e resistere al tentativo di recupero nel finale di Sacramento frustrato da un Cousins autore di 32 punti e 13 rimbalzi ma anche di 8 palle perse e 6 stoppate ricevute che lo fanno innervosire fino all’uscita negli ultimi secondi per falli. La gara del bolognese è buona nel complesso ma il dato che recita 0 tiri liberi guadagnati fa intuire che deve ancora crescere in aggressività nei momenti chiave della partita. Ora Venerdì i Kings si preparano ad ospitare nell’altro derby della California i Lakers di Kobe Bryant, già battuti una settimana in preseason. Nella notte NBA gara d’esordio anche per gli altri due italiani che giocano oltreoceano: i Brooklyn Nets di Andrea Bargnani perdono in casa contro i Chicago Bulls per 115-100; per il “Mago” un discreto esordio da 17 punti e 7 rimbalzi (6/13 dal campo) con la nuova casacca dei Nets dopo essere stato a riposo per tutta la pre-stagione causa l’infortunio al polpaccio che ne aveva limitato le prestazioni già agli Europei in maglia azzurra. Grande notte invece per Danilo Gallinari che sempre più leader dei suoi Denver Nuggets ottiene una prestigiosa e convincente vittoria a domicilio sugli Houston Rockets del “barba” James Harden per 105-85. Per il “Gallo” una grande prestazione da 23 punti, 8 rimbalzi, 3 assist e 3 stoppate che permettono a Denver di ottenere la prima vittoria della stagione e cominciare con il piede giusto nel traffico dell’Ovest dove ogni vittoria è importante. La stagione vera è dunque iniziata, gli italiani hanno risposto presenti, parte una nuova lunga rincorsa all’anello, buona NBA a tutti!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy