Bazzani: “Boniciolli farà la differenza”

Bazzani: “Boniciolli farà la differenza”

La Fortitudo torna in finale dopo diversi anni e il popolo biancoblù si anima in vista di una sfida che può valere la promozione. In città c’è da sempre un tifoso speciale della Effe, una passione viscerale che lo lega ai colori biancoblù da una vita. Fabio Bazzani stasera ci sarà, in prima fila a tifare Fortitudo: “Sono passati diversi anni dall’ultima finale – ha ammesso l’ex calciatore al Carlino – quel tiro di Malaventura allo scadere a Forlì fu una goduria, poi passò subito perché la preoccupazione di non avere un futuro ci assalì”. Ora si torna in finale, di fronte Montichiari: “Non me la sento di fare un pronostico, loro sono forti, forse più di noi, ma sarà il nostro allenatore a fare la differenza. Anche il pubblico sarà un valore aggiunto”. La sensazione è che la prima gara casalinga sia molto importante: “Dipende dalla differenza di valori, quando vincemmo lo scudetto perdemmo gara 1 ma eravamo talmente più forti della Benetton che recuperammo. Oggi non c’è tutta quella differenza e vincere gara 1 metterebbe pressione agli avversari”. Un Bazzani che cerca di stimolare anche il suo figlioletto ad appassionarsi alla Effe: “Sono contento stia iniziando ad entrare nel mondo Fortitudo, lo porto alle partite e guarda ammirato la curva. Per lui il giocatore più significativo è Matteo Montano e io cerco di fargli capire cosa significa avere lo spirito biancoblù”. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy