Donadoni: “La responsabilità è tutta mia però è inutile fare disfattismo”

Donadoni: “La responsabilità è tutta mia però è inutile fare disfattismo”

E’ un Donadoni arrabbiato ma che difende i suoi calciatori: “La troppa voglia di vincere ci ha fregato”

Donadoni ha analizzato la sconfitta contro il Milan.

Queste le dichiarazioni del mister rossoblù: “Siamo stati poco lucidi, la grande voglia di vincere ci ha portati a perdere quella lucidità che è fondamentale. Dovevamo cercare di muovere palla veloci e di muoverci, con pazienza. Invece abbiamo subito delle ripartenze difficili da digerire. Non possiamo permettercelo“.

Sulla gara: “La voglia di riscattare il risultato negativo. Il Milan aveva solo il compito di difendersi e ripartire e noi glielo abbiamo concesso. Tutti quanti sono distrutti dal risultato. Il maggior responsabile sono io, ora devo aiutare i ragazzi ad uscire da questo momento delicato. Possiamo superarlo solo aiutandoci. Abbiamo ancora tanta strada da fare, dobbiamo percorrerla con umiltà e lavorando.”

Sui cambi: “Mbaye era stato ammonito, non volevo venisse espulso. Mi serviva un giocatore di esperienza, Torosidis è un calciatore lucido. non volevo intasare ancora di più gli spazi là davanti. Mi serviva un calciatore che sapesse gestire la situazione.

Sulla sconfitta:Mi prendo tutta la responsabilità necessaria, ma mettersi a giudicare non è utile. Questa sconfitta brucia a tutti. I ragazzi volevano ripagare i tifosi dell’affetto dimostrato dopo la partita contro il Napoli. Inutile fare disfattismo, dite pure su di me, ma niente sui ragazzi.

Sui pochi tiri in porta: “Abbiamo avuto anche sfortuna ma certamente dobbiamo crescere ed essere più incisivi. Abbiamo dei limiti nel trovare la conclusione. Bisogna solo allenarsi, l’allenamento è fondamentale. La cattiveria va tirata fuori a partire dagli allenamenti. Là davanti bisogna arrivarci con la cattiveria necessaria

Il decimo posto: “Fino a due settimane fa eravamo vicini al decimo posto, ci siamo fatti male da soli”.

Su Verdi:Verdi ha fatto mezza partita, oggi ho voluto metterlo perchè è un giocatore che può avere il colpo decisivo. Simone sta cercando di trovare la condizione. Stasera è stato poco lucido ma questo è figlio della lunga assenza”

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. max49 - 3 mesi fa

    Dopo la fastidiosa intenzione di addossare all’arbitro la sconfitta con il Napoli, che ha fatto sprofondare, insieme a quella ancor più dolorosa con il Milan, negli abissi più bui del calcio la gloriosa storia di questo club, Donadoni ha detto di prendersi la responsabilità dell’ultima sconfitta. Per quel che riguarda la squadra abbiamo assistito finora ad un andirivieni di giocatori nei diversi ruoli con la peculiarità che appena qualcuno faceva una buona prestazione (vedi Mbaye,Donsah,Di Francesco) non veniva confermato successivamente, con il rischio di danneggiare quel processo di crescita, autostima e fiducia nelle proprie doti che è fondamentale in una squadra fatta di giocatori giovani. L’unico inamovibile è Mattia Destro, a giudizio di Donadoni continua ad essere degno del Real Madrid. Credo che Saputo abbia il dovere di parlare alla squadra e all’allenatore. Comunque sempre Forza Bologna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy