Tommasi: “E’ impensabile giocare in Italia alle 16.30 a luglio”

Tommasi: “E’ impensabile giocare in Italia alle 16.30 a luglio”

Il presidente dell’AIC esprime le sue perplessità circa la situazione del calcio italiano

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Mentre la Serie A aspetta il verdetto di questa sera da parte del Governo, dice ancora la sua il presidente dell’AIC Damiano Tommasi, che interviene in una diretta Facebook sul sito de “Il Mattino”.

“Il problema della pandemia non è risolto, ci sono ancora delle criticità che vanno affrontate. Uno dei principali problemi riguarda gli orari: è impensabile giocare alle 16.30 a giugno e luglio. Gli atleti dovranno fare sforzi continui dopo un lungo periodo di inattività, quindi dovranno esser aiutati anche dal punto di vista climatico: i calciatori non sono robot, quindi ci sono delle preoccupazioni – spiega Tommasi, che infine conclude – Se i giocatori devono indossare mascherine in panchina e non si possono abbracciare dopo un gol ma poi su un calcio d’angolo possono marcarsi stretti, questa non è una situazione normale: i calciatori vogliono ripartire in una situazione di sicurezza. Magari tra un mese le cose saranno diverse”.

Fonte: “Tuttomercatoweb”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy