Tomiyasu, da sconosciuto a insostituibile

Tomiyasu, da sconosciuto a insostituibile

Il difensore giapponese ha stupito tutti: terzino o centrale, gioca sempre

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Arrivato in estate dal Sint Truiden, Takehiro Tomiyasu è giunto a Bologna come un vero e proprio sconosciuto. Difensore giapponese classe 1998, fin da subito è apparso atipico. L’atteggiamento e la professionalità sono quelli della sua cultura, ma di certo non le caratteristiche fisiche: alto 188 centimetri, sembra tutt’altro che un calciatore asiatico. Fin da subito ha dimostrato grande concentrazione e dedizione: ecco che Mihajlovic lo ha quindi provato come terzino destro bloccato in una difesa a 4, ruolo tutt’altro che scontato per un centrale – specie all’esordio nel campionato italiano.

Tomiyasu ha invece risposto presente sotto tutti gli aspetti, ed ora sembra già diventato insostituibile. Lo è ancora di più ora che Danilo si è infortunato e dovrà stare lontano dai campi per circa 3 settimane: una delle opzioni per sostituirlo è infatti proprio quella di rispostarlo al centro – insieme a Denswil – e di inserire Mbaye a destra. In poche settimane, il giapponese ha conquistato tutti: società, compagni, tifosi. In campo è una “macchina”, fuori un giocherellone. Professionista esemplare, fa tutto col sorriso tipico del suo popolo. Di lato o al centro fa ormai poca differenza: Takehiro Tomiyasu è il titolare di Mihajlovic.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy