Si è chiusa l’inchiesta per estorsione ai danni del Bologna

Coinvolto Giorgio Rosa, agente procacciatore di sponsor

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

La Procura ha chiuso l’indagine nei confronti di Giorgio Rosa – agente procacciatore di sponsor per conto di Innova – per tentata estorsione ai danni del club.

Innova aveva un contratto nel settore commerciale con il Bologna, ma secondo l’accusa Rosa avrebbe compiuto atti non idonei allo scopo di ricevere somme di denaro non dovute. Tra le carte a sfavore di Rosa anche alcune mail inviate al presidente Joey Saputo e all’amministratore delegato Claudio Fenucci con richieste di compensi non effettivamente maturati. Inoltre, Rosa è accusato non solo di estorsione ma anche di aver minacciato i vertici del club: in sostanza, se non avesse ricevuto l’importo richiesto si sarebbe rivolto ai media. Secondo la Procura, Rosa avrebbe poi fatto trapelare determinate informazioni che avrebbero però recato un danno di immagine al club. Per il Pm le ragioni creditorie erano inesistenti. Con la chiusura delle indagini, quasi certamente scatterà il rinvio a giudizio.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy