Sassuolo e Bologna, gemelli diversi

Le due società sono simili per politica aziendale, ma i risultati sono differenti

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Sassuolo e Bologna rappresentano due società piuttosto simili all’interno del panorama calcistico italiano, con una linea aziendale che le accomuna. I risultati però, nel corso degli anni sono sempre più diversi.

Entrambe vedono ai loro vertici due magnati: da una parte i neroverdi sono stati plasmati dal patron della Mapei Squinzi(prima della sua prematura scomparsa), mentre i rossoblù sono stati rilevati da Joey Saputo ormai sei anni fa. Anche per quanto riguarda le infrastrutture le due società hanno gli stessi obiettivi, già raggiunti per quanto riguarda il Sassuolo, con stadio di proprietà e centro tecnico rinnovato. Il Bologna, dal canto suo, vanta un centro di allenamento tra i più all’avanguardia in Italia ma è in attesa dello step per il restyling del Dall’Ara. Le similitudini continuano anche dal punto di vista del campo: entrambe le società hanno infatti adottato una politica simile per quanto riguarda la scelta dei propri giocatori, puntando su profili giovani e rivendibili. I risultati però sono molto diversi. Se il Sassuolo infatti ha già fatto plusvalenze come i vari Politano, Sensi, Demiral, Defrel, Zaza, Acerbi e Pellegrini, il Bologna si è limitato ai soli Diawara e Verdi, in attesa del mercato estivo. La società neroverde poi per una stagione ha raggiunto l’Europa, obiettivo voluto anche nell’immediato, mentre i rossoblù ancora sembrano distanti. Infine, le due formazioni che si affronteranno stasera al Mapei Stadium si somigliano anche dal punto di vista del gioco e del modulo, adottando entrambe il 4-2-3-1, pur separate da 10 punti in classifica.

Fonte-Carlino

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy