Santander: da possibile risorsa a…

Futuro incerto per il Ropero
di Andrea Paganelli

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Amici poco o quasi mai.

Da quando è approdato sotto le due torri infatti, Sinisa Mihajlovic ha sempre richiesto una prima punta, nonostante un numero 9 (non solo di maglia), effettivamente ci fosse. Quel giocatore sarebbe Federico Santander, diventato subito idolo grazie al suo aspetto di gigante buono e al suo grande impegno. Gli stessi tifosi che gli dedicarono un coro appena arrivato: “Che ci frega di Ronaldo noi c’abbiamo Santander“. La pensa diversa Mihajlovic, con il paraguaiano che è passato da trascinatore dei rossoblù con Inzaghi, a oggetto misterioso, colpa delle caratteristiche del classe ’91, incompatibili con il modo di giocare di Sinisa. Il ropero aveva iniziato titolare anche con Sinisa, ricordare lo zero a uno di San Siro con il serbo al debutto, poi piano piano tra infortuni e scelte tecniche ha perso campo. Neppure la fortuna è dalla sua parte: dopo l’ingresso contro la Lazio infatti, in cui aveva servito l’assist a De Silvestri per l’ 1 a 2, sembrava infatti poter essere una buona alternativa per far rifiatare Palacio, o per subentrare a gara in corsa dando la possibilità di avere una vera punta in area di rigore. Invece un infortunio ha bloccato tutto, e per il suo rientro in campo si parla addirittura di fine febbraio, data in cui i rossoblù avranno già fatto mercato e quindi con Santander ancora più ai margini. Il destino ha giocato contro di lui, e quando tornerà forse sarà troppo tardi per trovarsi un posto in campo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy