Repubblica – Bologna, sui social meno follower, ma conta un altro dato…

I rossoblù hanno pochi seguaci su Instagram, social che porta sponsor e visibilità al brand, ma conta l’engagemente rate

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Il Bologna deve migliorare sul lato social, ma i suoi profili sono comunque di ‘qualità’.

Oggi avere un profilo Instagram con tanti seguaci aiuta anche le trattative con gli sponsor e può portare nuovi introiti. Il Bfc conta 150mila followers, meno della metà di quelli che ha il Parma e inferiori anche a quelli del Sassuolo, ma sono le interazioni a contare, cioè l’engagement rate, che certifica quanto gli utenti interagiscono con il profilo e su questo campo il Bologna sta viaggiando bene. Serve avere social attivi più che numerosi, soprattutto in fase di trattativa con sponsor e mercati mirati. Si contano i like ai singoli post rapportati al numero totale di utenti della pagina, cioè l’engagement rate, dato su cui le aziende ragionano e che reputano appetibile se supera il 4%.

Su Facebook, invece, i rossoblù hanno consolidato il loro pubblico Over 30. Ora serve lavorare sui giovani, che rappresentano una grande fetta dell’utenza di Instagram e che, sempre più spesso, seguono i club più per qualche calciatore in particolare che milita nella rosa che per la squadra in sé. Lo spiega meglio Edoardo Collina, social media manager del Bologna: “Su Facebook abbiamo over 30 già fidelizzati – ha affermato – Mentre sulle altre piattaforme vanno creati contenuti speciali per le altre generazioni, la più difficile è quella 13-17 anni”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy