Ora il Bologna deve cedere per liberare spazi e fare cassa

Ora il Bologna deve cedere per liberare spazi e fare cassa

Per poter completare la rosa con pedine di qualità, la dirigenza è chiamata a vendere. Il Resto del Carlino fa il punto sul mercato in uscita

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb
Il mercato in entrata non è finito ma prima i rossoblù hanno la necessità di vendere e sistemare le caselle in uscita.
Come sottolinea il Resto del Carlino, il Bologna deve liberare spazi in lista e fare cassa. Capitolo Donsah: il Torino, impegnato in altre operazioni, ha preso tempo con i rossoblù, che però contano di incassare 5-6 milioni di euro dall’operazione. Altra pedina in uscita è Crisetig: 3,5 milioni il prezzo fissato, ma il Crotone tratta solo il prestito e non è meta gradita dal ragazzo, mentre Udinese e Standard Liegi ancora non hanno presentato offerte, dopo i sondaggi.
Il Bologna è pronto a valutare offerte anche per Mounier e Gastaldello. Restano da sistemare i vari Calabrese, Vecsei, Gerevini, giocatori che a Casteldebole non sono considerati in rosa. Rosa che attualmente include 31 giocatori da cui sono da escludere gli Under Donsah, Okwonkwo, Valencia, Ravaglia e Brignani, oltre a Santurro, che rientra nella lista portieri, e Masina, prodotto del vivaio.
Inoltre, a Castelrotto il Bologna non ha ancora sciolto le riserve sui giocatori sotto esame, come Taider e Pulgar. Dovesse l’algerino (col suo milione netto di ingaggio) andar via, Bigon potrebbe buttarsi su un giocatore di prima fascia.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy