Mirante: “A Bologna il momento più difficile, dopo il malore ero teso”

Mirante: “A Bologna il momento più difficile, dopo il malore ero teso”

L’ex portiere del Bologna ha parlato ai canali ufficiali giallorossi

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

In una intervista di qualche giorno fa, Antonio Mirante è tornato a parlare del periodo di Bologna e del suo ritorno in campo dopo il malore. Alla tv ufficiale giallorossa, il portiere ha raccontato quei momenti, per lui difficili.

“Tutto è iniziato dopo la partita contro il Torino – ha affermato – Ho pensato di tutto, alla mia carriera, alla mia vita, poi è subentrata la paura. In quel momento la cosa principale era stare bene. Mi sono curato a Roma al Gemelli e dopo 10 giorni si è capito che non era nulla di congenito, solo una infiammazione del miocardio. Potevo continuare a giocare. Per tre mesi non ho potuto neanche correre ma io ero proiettato alla ripresa. Il rientro in campo? Bologna-Atalanta 0-2, il mio preparatore Bucci mi disse che non mi aveva mai visto così teso. Era vero. Ma mi ritengo fortunato di essere stato seguito dal professor Zeppilli e dallo staff del Bologna”.

Poi un commento sulla sua avventura rossoblù: “Mi sono trovato molto bene, eravamo neo promossi, la città è bellissima, la tifoseria anche. Poi Joey Saputo è una persona davvero perbene”.

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy