Miccoli condannato per estorsione aggravata

L’ex attaccante del Palermo condannato a tre anni e sei mesi di reclusione.

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

L’ex attaccante del Palermo Fabrizio Miccoli è stato condannato per estorsione aggravata a 3 anni e sei mesi di reclusione. 

Secondo la Procura l’ex bomber rosanero avrebbe incaricato il suo amico Mauro Lauricella, il figlio del presunto mafioso della Kalsa, Antonino, detto “U Scintilluni”, di recuperare 12mila euro legati alla gestione di una discoteca. Lauricella però sempre secondo la Procura avrebbe usato metodi violenti nello svolgimento del compito, anche se poi è stato assolto dall’accusa.

Il processo d’appello non è ancora iniziato e Miccoli si dichiara innocente tramite il suo legale: “Miccoli è molto nervoso e triste perché sa di essere innocente. Lui è completamente estraneo ad ogni accusa e cercheremo di dimostrarlo nel processo d’appello”.

Lo riporta La Gazzetta dello Sport.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy